Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



07 dicembre 2009

Prima chiusura settimanale negativa da oltre un mese per l'oro e, soprattutto, sessione pesantissima rispetto ad altri mercati, nonostante massimi e minimi siano ancora crescenti. L'improvviso rafforzamento del dollaro, innescato dai dati sull'occupazione migliori del previsto ma covato in realtà da mesi, ha scatenato un sell off impressionante: visti i livelli estremi di ipercomprato raggiunti di recente dal metallo giallo molti hanno preferito portare a casa i profitti e chiudere le posizioni.

I volumi sull'ETF GLD sono stati straordinari: 183 milioni di pezzi, secondi solo alla sessione di settembre 2008. Il grafico in dollari è molto critico, l'andamento a breve è praticamente parabolico e necessita, come già notato, di una pausa. Che sia questo il massimo intermedio, ovviamente non è dato sapere. Ciò che è possibile fare sui mercati è muoversi con le probabilità a favore, non di più. In un contesto come quello attuale quindi si evita di comprare o si vende, se l'ottica è di breve periodo, e si aspettano le fasi di debolezza per costruire o aumentare le posizioni long.

E' ragionevole pensare che, sul lungo periodo, la salita dei metalli preziosi non sia nemmeno a metà strada: in euro è partita nel 2005 ed è verosimile che continui almeno fino al 2015. Ovviamente non sarà una salita lineare e costante ma, come fanno sempre i mercati, alternerà fasi di crescita a storni e consolidamenti. Più salirà, più persone parteciperanno, più diventerà volatile, ripida e violenta, con salite repentine e tragiche correzioni.

I fattori che la alimentano sono tutti ancora ben presenti: innazittutto l'inflazione monetaria, quindi lo squilibrio fra una domanda in crescita e un'offerta rigida e limitata. La fiducia verso le valute cartacee è in una lenta ma costante fase di declino mentre l'oro è stato moneta per migliaia di anni.

Una buona opzione può essere convertire parte del proprio portafoglio in oro e argento, accumulando metallo fisico dopo ogni fase di prolungata debolezza. La "posizione strategica" va tenuta al di là delle perturbazioni di breve o medio periodo: è una vera e propria assicurazione contro eventi monetari estremi solo che, a differenza di una normale assicurazione, è molto probabile che in qualche mese o anno il suo costo si trasformi in un profitto.

Certo, sarebbe stato meglio iniziare nel 2005 ma anche oggi non è tardi: il trend continua ad essere a favore ed è verosimile che la parte più remunerativa della salita debba ancora arrivare perché gli elementi fondamentali a suo sostegno permangono, intatti.

Ora come ora il rischio però è elevato anche se lo storno di oltre il 4% segnato dall'oro venerdì l'ha ridotto esattamente di quell'ammontare. Il comportamento dell'argento sembra indicare ancora un po' di spazio per la salita a breve termine prima di una salutare correzione nell'intero settore dei metalli preziosi, però occorre la massima cautela, a meno che non si abbia un orizzonte temporale di anni e si sia disposti ad accettare perdite potenziali a breve termine.

Il punto della situazione dell'oro in euro è questo: dopo aver consolidato sopra 650 €/oz per sei mesi, a fine agosto è iniziata la nuova fase rialzista con il break out settimanale a 675 €/oz. Da lì ai massimi toccati nella settimana appena conclusa (825 €/oz, record storico nominale assoluto) l'avanzamento è stato del 22% circa in tre mesi: buono ma non sconvolgente visti i precedenti. Ora sul breve siamo piuttosto tirati ed è verosimile, almeno, una fase laterale per attenuare l'euforia e falcidiare qualcuno degli ultimi arrivati.

In un contesto come questo la sma a 9 settimane rimane un buon supporto dinamico e ogni contatto con la quotazione va visto come occasione d'acquisto. La media ora quota 741 €/oz rispetto ai 782 della chiusura: una differenza non triviale del 5.6%. Quindi calma, la fretta è una pessima alleata sui mercati.

La vera chiave di volta in questo contesto è l'"improvvisa" forza del dollaro, accompagnata dalla debolezza estrema dello yen (un vero e proprio minicrack dopo l'accelerazione di esaustione nella direzione opposta di una settimana fa). Se la settimana appena conclusa è la prima del nuovo trend sul forex, ne vedremo delle belle.

Il mercato è abituato a interpretare la forza del dollaro come debolezza dell'oro e di tutte le materie prime anche se la correlazione fra questi mercati si fa sempre più sottile mentre la bull run cresce, diventa autonoma e si alimenta di dinamiche che non riflettono solo le sorti del biglietto verde, com'era prima del 2005.

Nonostante questo però il mercato conta ancora molto su questa relazione ed è quindi lecito aspettarsi liquidazioni e molto nervosismo a breve per i metalli preziosi.



01 - Oro in euro, dall'inizio della bull run
02 - Oro in dollari, 3 anni
03 - Oro in euro, 3 anni
04 - ETF GLD, 3 anni
05 - Argento in dollari, 3 anni
06 - Argento in euro, 3 anni
07 - ETF SLV, 3 anni
08 - Performance mibtel contro Oro, 1 anno
09 - Performance mibtel contro Oro, 3 anni
10 - Performance mibtel contro Oro, 6 anni
11 - Performance Oro e Argento in euro e in dollari, 3 anni
12 - Ratio silver/gold (forza relativa dell'argento rispetto all'oro), 5 anni
13 - Platino in dollari, 3 anni
14 - Petrolio (West Texas Intermediate Crude) in dollari, 3 anni
15 - ETF USO, 3 anni
16 - Ratio oil/gold, 5 anni
17 - Gas naturale in dollari, 3 anni
18 - ETF UNG, 3 anni
19 - Ratio natgas/oil, 5 anni
20 - Acciao in dollari, 3 anni
21 - Rame in dollari, 3 anni
22 - Agricultural Prices - Goldman Sachs Commodity Index, 3 anni
23 - Reuters/Jefferies CRB Index, 3 anni
24 - Standard & Poors 500, 3 anni
25 - Ratio S&P500/gold, 5 anni
26 - Ratio opzioni put/call CBOE, daily, 1 anno
27 - Ratio opzioni put/call CBOE, weekly, 9 anni
28 - XOI Oil index, 3 anni
29 - HUI "Gold Bugs Index", 3 anni
30 - BKX, Bank Index, 3 anni
31 - 2-Year US Treasury Yield, 3 anni
32 - 5-Year US Treasury Note Price, 3 anni
33 - PowerShares DB G10 Currency Harvest Fund, dal 10/09/2006
34 - EURUSD Weekly
35 - USDJPY Weekly
36 - EURJPY Weekly


















































































































































ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

29 NOVEMBRE 2009
22 NOVEMBRE 2009
15 NOVEMBRE 2009
08 NOVEMBRE 2009
31 OTTOBRE 2009
18 OTTOBRE 2009
11 OTTOBRE 2009
20 SETTEMBRE 2009
13 SETTEMBRE 2009
06 SETTEMBRE 2009
02 AGOSTO 2009
06 LUGLIO 2009
14 GIUGNO 2009
31 MAGGIO 2009
24 MAGGIO 2009
17 MAGGIO 2009
10 MAGGIO 2009
26 APRILE 2009
19 APRILE 2009
05 APRILE 2009
27 MARZO 2009
20 MARZO 2009
15 MARZO 2009
08 MARZO 2009
01 MARZO 2009
23 FEBBRAIO 2009
15 FEBBRAIO 2009
08 FEBBRAIO 2009
01 FEBBRAIO 2009
04 GENNAIO 2009
28 DICEMBRE 2008
15 DICEMBRE 2008
08 DICEMBRE 2008
23 NOVEMBRE 2008
17 NOVEMBRE 2008
10 NOVEMBRE 2008
26 OTTOBRE 2008
19 OTTOBRE 2008
14 OTTOBRE 2008
13 OTTOBRE 2008
07 OTTOBRE 2008
04 OTTOBRE 2008
30 SETTEMBRE 2008
28 SETTEMBRE 2008
20 SETTEMBRE 2008
13 SETTEMBRE 2008
31 AGOSTO 2008
24 AGOSTO 2008
26 LUGLIO 2008
12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006