Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



08 dicembre 2008, ore 08.49

Questa settimana pubblichiamo i grafici mensili degli assets principali per apprezzare al meglio il movimento di novembre e la reazione della prima chiusura settimanale di dicembre.

Il market mover più importante della sessione appena conclusa è stato forse l'ultimo dato sulla disoccupazione USA di venerdì, seguito dall'istantaneo cedimento delle borse e dal loro inaspettato quanto significativo recupero.

Questo tipo di reazione ad uno dei dati peggiori degli ultimi decenni potrebbe essere un ottimo segnale per anticipare la fine della discesa che ha portato di recente lo S&P500 a violare i minimi del 2002/2003, soprattutto dopo il crollo quasi verticale ben evidenziato dal grafico mensile e a maggior ragione se concentrata nelle ultime, delicatissime, ore del venerdì.

In settimana la riduzione dei tassi da parte della BCE e della BOE non ha sortito lo stesso tipo di "effetto sorpresa" perché già anticipata da diversi operatori, nonostante la generosa sforbiciata delle banche centrali.

Lo stimolo delle autorità, oltre a manifestarsi nei salvataggi a suon di miliardi pubblici dei settori in crisi, si traduce anche nell'imposizione di tassi artificialmente bassi, per agevolare l'accesso al credito in un momento dove chi ha liquidità si guarda bene dal cederla a terzi. In buona sostanza si tratta del solito tipo di intervento, concentrato sul lato del tasso ufficiale imposto dall'esterno piuttosto che sull'aumento diretto della liquidità nel sistema: due leve diverse su cui agire per ottenere lo stesso risultato.

Tassi così bassi non possono che allontanare gli operatori dal risparmio, la sola base sana per garantire futuri investimenti produttivi, mentre l'avversione al rischio convoglia le enormi quantità di capitale in fuga da ogni settore verso i titoli del debito pubblico.

Lo stato riesce così a farsi finanziare dai propri cittadini in modo ancor più deciso, proprio nel momento in cui dilapida il denaro dei contribuenti per aiutare (i proprietari dei) giganti malgestiti negli utlimi anni, siano essi banche, compagnie di assicurazione o produttori di automobili: in questo senso, l'esordio del neo presidente americano rimane in linea con la filosofia di socializzare le perdite dopo anni e anni di cattiva gestione e utili privati.

I nuovi massimi fatti segnare dai titoli di stato un po' ovunque, sono perfettamente in linea con le recenti riduzioni dei tassi di interesse, ormai giunti a livelli da "tasso reale negativo": si assiste al paradosso prodotto dal panico di questi mesi in cui, i creditori si affannano a rovesciare su debitori tutt'altro che affidabili (e di fatto responsabili dell'attuale marasma) enormi quantità di denaro per ottenere un ritorno inferiore allo zero. Cioè per perdere, magari pochino, nella speranza che il rosso contenuto sia una sorta di premio assicurativo da pagare per evitare tracolli maggiori.

Il "flight to safety" in atto è un capolavoro: l'impennata della domanda di titoli di stato ne aumenta il prezzo spingendo al ribasso il rendimento, porta risorse fresche nelle casse dello stato in virtù del panico dilagante e della ricerca di un porto sicuro in cui parcheggiare i propri averi. O quanto di essi è sopravvissuto al recente armageddon.

Nulla di più distorto. Gli operatori si stanno affannando per consegnare i propri risparmi ai responsabili di questa crisi, in una grottesca asta al ribasso dove si è pronti ad accettare ritorni sempre più bassi per assicurarsi la fantomatica protezione offerta dai titoli del debito pubblico, tutta da verificare.

Bene così in fondo. Il momento migliore per comprare è quando il sangue scorre per le strade.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.























































































































EURUSD Weekly




USDJPY Weekly




EURJPY Monthly


AUDJPY Monthly


AUDUSD Monthly




ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

23 NOVEMBRE 2008
17 NOVEMBRE 2008
10 NOVEMBRE 2008
26 OTTOBRE 2008
19 OTTOBRE 2008
14 OTTOBRE 2008
13 OTTOBRE 2008
07 OTTOBRE 2008
04 OTTOBRE 2008
30 SETTEMBRE 2008
28 SETTEMBRE 2008
20 SETTEMBRE 2008
13 SETTEMBRE 2008
31 AGOSTO 2008
24 AGOSTO 2008
26 LUGLIO 2008
12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006