Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



13 ottobre 2008, ore 01.06

La settimana appena conclusa ha esasperato un clima già estremo portando a risultati quasi impensabili: il Dow Jones ha perso più del 18%, il Mibtel più del 21%, il petrolio quasi il 17% e l'acciao quasi il 23%, toccando durante la sessione l'assurdo - fino a poco tempo fa - livello di 150: poco più di un quarto dei 550 intorno cui ha sostato per buona parte dell'estate.

In questo contesto i metalli preziosi hanno avuto un comportamento eterogeneo: l'argento ha chiuso la settimana con una perdita del 6% circa contro il dollaro (solo il -3.69% contro l'euro e comunque contenuta rispetto al disastro di tutti gli altri mercati) mentre l'oro è riuscito a tenere, finendo in terreno positivo nonostante la forza del biglietto verde.

Il fatto più eclatante è però , a nostro avviso, il nuovo record storico del metallo giallo contro l'euro. A questo proposito postiamo infatti, dopo il consueto grafico dell'oro quotato in dollari, quello espresso in euro: con un massimo di 699 €/oz, il metallo giallo mette a segno il valore più alto MAI registrato contro la valuta europea.

Accomunare euro e oro nella loro presunta funzione di alternative al biglietto verde è un errore grossolano. La moneta unica è uno sfidante, più politico che reale, della valuta statunitense mentre l'oro, la Moneta per eccellenza, non ha nulla a che spartire con le valutine cartacee fiduciarie dei giorni nostri ed è quindi una solida alternativa reale rispetto ad esse.

Il crollo incrociato di borse, valute e materie prime, riflette una situazione estrema di eccezionale gravità che non farà altro che concedere a banche centrali, governi e autorità il nulla osta per implementare tutta una serie di misure (eccezionali anch'esse, s'intende) per salvaguardare il "bene comune" a spese dei contribuenti.

E' di queste ore l'accordo fra i leader europei per sostenere il settore bancario e garantire, con denaro pubblico, i prestiti che altrimenti le banche (che ben si conoscono fra loro) si rifiuterebbero di erogare.

Il fiume di liquidità che ha travolto i mercati non potrà che tradursi in un aumento generalizzato dei prezzi, nonostante gli eventi di queste ultime, terribili settimane testimonino l'esatto opposto.

Il movimento dei mercati è stato controintuitivo: nel momento in cui ci si poteva aspettare un recupero delle borse ed un'esplosione dei prezzi delle materie prime grazie all'eccezionale iniezione di liquidità, è avvenuto l'esatto opposto. Almeno sul breve periodo.

C'è però un fatto preciso che lascia pendere la bilancia a favore di scenari futuri iperinflattivi: i maggiori debitori sono gli stati ed è quindi ragionevole aspettarsi da essi politiche volte a deprezzare il valore dei propri debiti nel tempo, piuttosto che il contrario.

La valanga di denaro che ha travolto il pianeta nelle ultime settimane ha esattamente questo valore: basterà aspettare che si diradi il polverone causato dai recenti movimenti eccezionali per constatare che ancora una volta, tutto si è risolto con un "semplice" trasferimento di ricchezza di proporzioni colossali, un passaggio di potere d'acquisto dalle mani tremanti di un pubblico terrorizzato a quelle solide, calme e precise di un elite consapevole e motivata.

Alleghiamo di nuovo, un poco più in basso, il confronto fra Mibtel, Oro e obbligazioni negli ultimi 12 mesi.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.















































































































EURUSD Weekly




USDJPY Weekly




EURJPY Weekly




ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

07 OTTOBRE 2008
04 OTTOBRE 2008
30 SETTEMBRE 2008
28 SETTEMBRE 2008
20 SETTEMBRE 2008
13 SETTEMBRE 2008
31 AGOSTO 2008
24 AGOSTO 2008
26 LUGLIO 2008
12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006