Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



17 febbraio 2008

Ancora nulla di fatto per l'oro, chiuso nel range fra 900 e 925 $/oz a smaltire l'ipercomprato di breve periodo accumulato nella corsa di fine 2007 e che, insieme a quelli già molto elevati di medio e di lungo, richiede un po' di tempo per essere riassorbito.

L'evento più rilevante di queste ultime sessioni è il sorpasso, tanto atteso, dell'argento sull'oro. La ratio silver/gold ha toccato il suo punto più alto a fine novembre 2006 subito a ridosso della soglia di 0.022 per scendere fino ai recenti minimi intorno a 0.018: una correzione non insignificante del 20%.

Fin dal BUY del 24 e 31 agosto abbiamo sottolineato come le condizioni più estreme dell'argento rispetto all'oro, la sua naturale volatilità e la tendenza a superarlo sia al ribasso sia al rialzo, lo rendessero più attraente anche se più difficile da seguire.

Ora sembra che la fase finale di quest'ultima gamba rialzista sia in cantiere ed è proprio adesso che il metallo bianco dovrebbe regalare le maggiori soddisfazioni. Vedremo nelle prossime settimane se l'argento stia davvero preparando la corsa poderosa che potrebbe portarlo, a nostro avviso, intorno a 25 $/oz o se la forza relativa di queste ultime sessioni sia un falso allarme.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense per chi volesse misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.













Ed ecco perché pur avendo consigliato di prendere almeno qualche beneficio sulle posizioni aperte su petrolio ed azioni correlate nei pressi dei 100 dollari al barile, abbiamo sottolineato la pericolosità di andare short su un settore del genere. L'oro nero rimane in una bull run prodigiosa e sta solo riposando, com'è naturale che sia, dopo essere quasi raddoppiato in meno di 12 mesi.

Chi, ignorando i fondamentali, si è messo contro questo toro infuriato leggendo soltanto i livelli estremi degli indicatori, ha per le mani una bomba che può esplodere in qualsiasi momento, incurante di qualunque ipercomprato di breve, medio o lungo periodo.

Nelle ultime due settimane il petrolio ha guadagnato quasi il 12%, nonostante tutto.

Ottima anche la posizione del gas naturale, nettamente il nostro favorito fra i due idrocarburi per il 2008.













Anche questa settimana si chiude molto bene per l'alluminio. Più che la quotazione in dollari, non molto significativa se non nei rapporti fra valutine cartacee, riteniamo che la ratio con l'oro dipinga un quadro estremamente roseo per il prezioso metallo di base, così in voga in questi anni.

Nonostante il balzo delle ultime settimane (un quasi +20% in un mese, davvero niente male) la nuova fase di salita è appena iniziata e culminerà, a nostro avviso, a ridosso della zona compresa fra 1.90 e 2.00 (TP ideale, 1.99): un buon margine per continuare ad accumulare posizioni al rialzo sulle migliori aziende del settore.





Timida invece la reazione dello S&P500 che prova a stemperare il terrore esploso al termine della sessione della scorsa settimana con una candelina bianca timorosa e tremolante appoggiata proprio su quel fatidico 1325 su cui mani provvidenziali hanno arrestato l'ultimo tracollo.

I volumi sempre sostenuti testimoniano che i pesci grandi stanno finendo di raccogliere le posizioni aperte di recente da quelli piccoli, magari proprio sui nuovi massimi storici nominali nei pressi di 1575 toccati ad ottobre, coperti con attenzione ottimistica e baldanzose speranze dai mass media.

Da lì il capitombolo è stato duro, arrivando a sfiorare il 20% nei primi quattro mesi dal nuovo record: livelli di tutto rispetto per John Smith e Mario Rossi, coinvolti loro malgrado nell'ennesima, sempre identica, ridistribuzione della ricchezza.

Ora, con il saldo di inizio anno, le quotazioni sono più adatte a chi compra sui minimi e non sui massimi e d'altro canto è meglio non esagerare con certi storni che hanno il pessimo incoveniente di diffondere il malumore fra i consumatori: e di quello proprio non si può fare a meno.







ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006