Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



19 marzo 2008

Volatilità infrasettimanale in aumento per i metalli preziosi: l'oro sopra i 1.000 $/oz attira l'attenzione del grande pubblico e con essa l'isteria tipica delle fasi finali dei movimenti al rialzo o al ribasso. Sembra ieri che i 500 $/oz erano ritenuti un livello accidentale, di breve periodo, insostenibile: chissà se i grandi analisti, al tempo così certi dei loro giudizi, hanno messo i soldi lì dove avevano la bocca, shortando il metallo giallo.

Ad ogni modo, la nuova fase di crescita iniziata ad agosto si sta avvicinando alla fine: 1.100? 1.200? per chi è entrato correttamente intorno a 675 l'estate scorsa non cambia molto. Meglio quindi prepararsi a liquidare le porzioni speculative senza essere troppo esosi.

Occore poi considerare che la prolungata debolezza del dollaro (addirittura in accelerazione in queste ultime settimane), distorce, enfatizzandola, la corsa di tutte le commodities: misurare i prezzi in euro è indispensabile, non solo per avere un'idea più realistica dell'andamento delle materie prime ma anche per valutare le recenti vicissitudini dei mercati azionari.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.

















Un po' di montagne russe anche per gli idrocarburi...

















Fra i metalli di base, nella sessione di ieri ha brillato l'acciaio.
Questo mercato sta per essere rivoluzionato da un'innovazione epocale: dal 28 aprile sarà negoziabile al London Metal Exchange (LME) il future "forward" sull'acciao, facilitando enormemente gli scambi di un prodotto standardizzato (ne esistono moltissimi tipi) ad un prezzo trasparente, su una piazza importante come quella londinese.

Proprio in vista di questo evento e delle pressioni enormi - anche speculative - che si riverseranno su un settore così strategico, gli amici di GM Consulenza hanno lavorato a lungo ad un "Report Acciaio" redatto con i soliti crismi della giovane società di analisi lombarda. Quindi, concetti chiari, obiettivi precisi, strategie e indicazioni operative supportate da ricerca, dati fondamentali e molto, molto studio del mercato.

L'offerta speciale finiva ieri: non sappiamo però se ci sia un po' di indulgenza con gli ultimi ritardatari...













Il panico diffuso dalla vicenda Bear Stearns, solo l'ultima di una serie di pessime notizie per i mercati finanziari, ha portato all'ennesimo lunedì nero: non una novità di recente.

Nell'aggiornamento del 12 marzo scrivevamo: "la giornata di ieri può aver segnato un punto di svolta, un pivot da cui invertire la marcia, quanto meno per una salutare correzione di medio periodo", con riferimento al potente movimento al rialzo delle borse, in particolare del settore bancario proprio nei giorni del tracollo della famosa banca americana.

La giornata di ieri ha completato, a nostro avviso, il pattern di inversione, dopo aver fatto saltare nella sessione di lunedì gli stop loss messi subito a ridosso di 75 sul Bank Index, livello cruciale evidenziato il 22 gennaio, ribadito il 10 marzo e... ripulito l'altroieri.

Il sentimento è così sbilanciato verso il pessimismo, nervosismo e paura sono così alti che, insieme all'analisi tecnica delle ultime giornate, confermiamo che a nostro avviso da qui, per le borse, inizia la risalita.

Attenzione anche qui a misurare le performance delle azioni statunitensi in euro... la quotazione in dollari è troppo generosa. In compenso, gli asset a stelle e strisce godono in questo momento di un extra sconto che non è detto duri ancor a lungo.













Un'altra riduzione dei tassi sorprendente da parte della FED porta i Fed Funds al 2.25, un livello impensanbile pochi mesi fa benché anticipato dal crollo violentissimo dello Yeld sui treasury a due anni.

Sembra verosimile però che intorno a questi livelli la banca centrale americana possa fermarsi: propellente per la borsa ne ha gettato in gran quantità e, viste le quotazioni, la forza della speculazione dovrebbe essere sufficiente a questo punto per muovere al rialzo il valore nominale senza grandi fatiche.

Oro e argento sono più vicini a fine corsa ed al meritato riposo che alla fase di pieno vigore, fattore che di certo può aiutare la FED a risparmiare alcune cartucce, almeno per il resto dell'anno.





Il DBV ha violato il solido supporto statico che l'ha sostenuto negli ultimi mesi: l'avversione al rischio sale alle stelle e il carry trade ne risente. Vedremo presto se questa situazione è destinata a rientrare rapidamente oppure se questa violazione verrà confermata anche nelle prossime sedute.





Il dollaro è così in basso che ormai la reazione ad eventi che in condizioni normali l'avrebbero affossato si fanno sempre più blande: ieri ha addirittura guadagnato sul taglio di 75 punti base! La pressione al recupero, anche su questo mercato, ci sembra sempre più forte.

Attenzione, non è casuale questa svalutazione del biglietto verde: gli Stati Uniti sono oberati di debiti, sia all'interno sia verso l'esterno. Svalutare il dollaro è un sistema molto comodo per scaricare sugli altri paesi - i fornitori di materie prime e manufatti - e sui cittadini statunitensi meno preparati gli oneri di questo debito.

Si paga si, ma a livello nominale, con una moneta che solo nell'ultimo anno ha perso il 20% del proprio valore, mica male.

Detto questo però, ogni movimento su ogni mercato dev'essere bilanciato: non può continuare all'infinito in un'unica direzione.

Non siamo a favore del dollaro a priori, basta leggere le pagine della sezione "Perché" di questo sito, scritte a fine 2005 o le analisi settimanali sul FOREX dei primi mesi del 2006 per verificarlo. Da allora però il dollar index è sceso da 92 a 71: una perdita del 22.8% in poco più di due anni, enorme sul mercato delle valute ed impressionante se riferita alla valuta di riserva mondiale.



























ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006