Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



19 ottobre 2008, ore 21.46

Si chiude un'altra settimana terribile sui mercati. Non tanto per il risultato finale, positivo per le borse, quanto per l'estrema volatilità, giunta a livelli semplicemente impensabili fino a poco tempo fa, del tutto fuori scala rispetto ai parametri stabiliti negli ultimi decenni.

Nemmeno durante il crollo clamoroso del 1987 si sono viste condizioni così sbilanciate e livelli di paura tanto elevati. La rapidità con cui qualunque settore ha visto decimare le proprie quotazioni non ha, letteralmente, precedenti storici. In genere, durante il crollo dei mercati azionari, alcuni settori come quello delle materie prime si apprezzano, proprio per lo spostamento dei capitali che, in uscita dai settori in crisi, confluiscono in quelli ad essi correlati negativamente.

In occasione di questo vero e proprio armageddon finanziario globale invece nulla, a parte il dollaro, lo yen e - in una certa misura - l'oro, è riuscito a conservare il proprio valore. Azioni di titoli bancari così come aziende operanti nel settore petrolifero o nella creazione di software hanno subito perdite del 50% in pochi mesi. Nessun porto sicuro nel mercato azionario: non stupitevi troppo se il vostro solido pacchetto di "lungo periodo" vale la metà rispetto ad un anno fa.

Tutti gli indici più comuni per analizzare l'andamento dei mercati sono a livelli nemmeno presi in considerazione fino a questa estate. Tanto per citare un esempio, le azioni che al 10 ottobre, sulla borsa di New York, hanno raggiunto i livelli minimi delle ultime 52 settimane, sono state l'87.7%. Un livello inconcepibile, totalmente al di fuori da tutti i possibili riferimenti storici: quasi 2.900 dei 3.300 titoli scambiati nella più importante piazza mondiale hanno fatto segnare di recente le quotazioni più basse dell'ultimo anno.

Per mettere nella giusta prospettiva l'eccezionalità di questo dato basti pensare che, durante il crollo del 2000 - il paragone più vicino e ancora relativamente fresco nella mente dei piccoli e grandi investitori - i livelli più estremi furono intorno al 20%, meno di un quarto di quello appena toccato. Nonostante questo, lo Standard&Poor 500 perse circa il 50% del proprio valore fra il picco dell'anno 2000 e il minimo intorno ad 800 segnato tre volte fra il 2002 ed il 2003. In linea con i precedenti storici.

Tutto questo sarebbe paradossale anche non considerando la colossale iniezione di denaro pubblico riversata dalle banche centrali e dai governi sui mercati nel vano tentativo di arginare il crollo e ripristinare, a spese dei contribuenti, la fiducia così cruciale in un sistema basato sul consumo compulsivo, sul debito e sulla continua espansione della massa monetaria nominale, come quello in cui viviamo.

Se possiamo ritenere fisiologico il deprezzamento del petrolio dai 145 dollari al barile di quest'estate ai 70 segnati la scorsa settimana (più del 50%) dopo essere cresciuto di quasi tre volte nei 18 mesi fra i minimi intorno a 50 dei primi del 2007 e il massimo storico nominale di luglio 2008, poco senso ha la performance dell'oro, quasi nullo quello dell'argento, sconcertante l'andamento del gas naturale e addirittura imbarazzante il collasso dell'acciaio, passato da 550 a 150 in alcune settimane mentre i mercati venivano travolti da fiumi indescrivibili di liquidità, anch'essi senza precedenti storici.

Ciò che salta agli occhi dall'analisi grafica cross market sottostante è che il comportamento di mercati diversissimi è del tutto omogeno. Che si parli di titoli azionari, di argento, di cambio fra dollaro australiano e yen o di acciaio è tutta la stessa storia: un crollo generalizzato e granitico che esprime un'unica tendenza, l'allontanamento massiccio dal rischio a favore degli strumenti ritenuti "più sicuri".

La correlazione fra settori così distanti non è mai stata tanto stretta ed esprime nel modo più chiaro la vera dominante di queste settimane: il panico. Il denaro c'è - ce n'è fin troppo - ma viene tesaurizzato o convogliato verso i titoli di stato, paradossalmente considerati quasi esenti da rischi.

A nostro avviso, in estrema sintesi, la situazione è questa. Stiamo assistendo ad un evento epocale e questo 2008 verrà ricordato alla stregua del 1929 che ancora oggi evoca scenari orribili ed è sinonimo di crack e fallimento. Il sistema finanziario, per come lo conosciamo, è ad un bivio. Può essere che gli sforzi coordinati delle maggiori autorità mondiali riescano ad invertire la marcia intrapresa dai mercati grazie alle immense inieizioni di denaro pubblico, risollevando nelle prossime settimane le quotazioni delle borse e delle materie prime così com'è possibile che falliscano, e che quanto appena visto sia solo l'innesco di una crisi monetaria internazionale nemmeno immaginabile: in fondo, i problemi finora emersi sono solo una parte di quelli realmente celati sotto le pudiche coperte con cui si scalda il cuore del pubblico.

Nel primo caso, le quotazioni attuali di quasi tutte le materie prime e di alcune aziende (le migliori operanti in questo settore) sono a livelli così artificialmente bassi da costituire affari sicuri per gli anni a venire, stroncate dal panico dilagante ed eccezionale che non ha lasciato superstiti, al di là di ogni ragionevolezza.

Nel secondo caso, crediamo sia poco rilevante la scelta di come investire il proprio denaro a meno che non sia nell'acquisto di una bella casa con terreno, alcuni animali utili al proprio sostentamento come galline, mucche, pecore e conigli e macchinari per la produzione autonoma di energia, come un mulino a vento o dei pannelli fotovoltaici.

Ovviamente alcune monete d'oro e qualche lingotto d'argento potranno assicurare un notevole potere d'acquisto in condizioni estreme ma nemmeno chi ha pubblicato questo sito nel 2005 convinto che i metalli preziosi rappresentassero un buon veicolo per difendere il proprio capitale si augura un simile scenario.

Intanto, gli europei che un anno fa hanno investito in oro hanno beneficiato, alla chiusura di venerdì, di un ritorno del 10%, contro il -47% del mibtel o gli asfittici ritorni reali negativi del reddito fisso. Chi, ritardatario, è arrivato dopo abbia pazienza: siamo convinti verrà ricompensata.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.















































































































EURUSD Weekly




USDJPY Weekly




EURJPY Weekly


AUDJPY Weekly


AUDUSD Weekly




ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

14 OTTOBRE 2008
13 OTTOBRE 2008
07 OTTOBRE 2008
04 OTTOBRE 2008
30 SETTEMBRE 2008
28 SETTEMBRE 2008
20 SETTEMBRE 2008
13 SETTEMBRE 2008
31 AGOSTO 2008
24 AGOSTO 2008
26 LUGLIO 2008
12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006