Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



23 gennaio 2008

L'ultima mossa della FED, anticipata correttamente dal crollo dei rendimenti sui T-Notes, ribadisce che l'appoggio della banca centrale statunitense ai mercati azionari ed ai consumi, proseguirà immutato, nonostante le pressioni inflazionistiche alimentate dalle politiche monetarie accomodanti siano già ben oltre i livelli di guardia.

La riduzione del Funds Rate di 75 punti base - un passo "eclatante" dopo la serie ormai lunga di baby steps a cui la FED aveva abituato i mercati - abbassa tassi già storicamente ai minimi livelli. Basta allargare la prospettiva infatti per vedere come, nonostante la percezione comune di tassi elevati causata dagli aumenti degli ultimi anni, ci si trovi ancora ai minimi dal 1954 ad oggi.

Lo spike del 1980 con i Funds Rate quasi al 20%, corrisponde al picco storico dell'oro, i famosi 850 $ del 1980, pari a più di 2.138 $ di oggi, secondo i calcoli accomodanti del Bureau of Labor Statistics statunitense.











Dinamiche simili non possono che essere gradite ai metalli preziosi ed in generale a qualunque asset limitato in quantità, non riproducibile con pochi click di un mouse come le valute fiduciarie del giorno d'oggi. Oro ed argento quindi recuperano rapidamente il terreno che stavano perdendo nelle sessioni del 22 gennaio e trovano la linfa necessaria per proseguire l'attacco alle divergenze negative che, sul breve periodo, ne stanno frenando l'avanzata.

A nostro avviso questa pausa di riflessione, dopo mesi e mesi di salita, è giunta al termine e le prossime sessioni porteranno l'MACD dei grafici daily a nuovi massimi assoluti.









Ciò che ha spinto la FED ad abbassare in modo deciso i Funds Rate, e l'effetto che questa mossa ha ottenuto, è chiaramente rappresentato nel prossimo grafico.

Il crollo dello S&P500 iniziava a divenire preoccupante e l'ansia non è un ospite gradito nei mercati finanziari fiduciari: dopo i patimenti indotti dalla crisi dei subprime, dopo le sempre maggiori difficoltà con cui i consumatori riescono a star dietro alle rate del mutuo e della carta di credito, dopo che - ma come! - il mercato immobiliare ha addirittura rallentato, un crollo della borsa sarebbe stato davvero troppo.

E così si abbassano i tassi, come se non bastasse l'innondazione di liquidità prodotta dalle banche centrali. A confermare che la cura è quella giusta, il paziente ha subito reagito in modo positivo.

E con meno del 20% di %bullish, sembra davvero inesorabile che da questi livelli inizi un rimbalzo che, con le necessarie tempistiche, porti gli indici borsistici a nuovi massimi assoluti.





Il dollaro dal canto suo, già provato da anni di discesa, non ha accusato il colpo. Una corposa riduzione dei tassi avrebbe dovuto minarne l'appetibilità sul mercato delle valute ma, sia perché questa mossa era già scontata da tempo, sia per i notevoli livelli di ipervenduto raggiunti dalla valuta statunitense, il biglietto verde ha reagito più che bene.

In questo momento la FED ha a disposizione un'arma speciale: partendo da tassi più alti rispetto ai principali sfidanti e vista la caduta terribile degli ultimi due anni, ora il dollaro può godere di una relativa "insensibilità" alle variazioni del Funds Rate, che può quindi essere sfruttato appieno per sostenere i consumi e la borsa, così cruciali per la serenità del consumatore.













Ed ecco l'aggiornamento promesso per la sterlina inglese contro i tre attori principali del FOREX: sembra che, almeno a breve termine, la valuta britannica possa beneficiare di un po' di respiro.

Sul lungo periodo invece è ancora presto per poter affermare di aver smaltito la corsa eccezionale degli ultimi anni.















ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006