Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



23 febbraio 2008

La chiusura della sessione settimanale conferma il buon dato intermedio registrato mercoledì sera: oro ed argento chiudono con forza, a ridosso dei massimi, con guadagni intorno al 5%, poco più per l'argento, poco meno per l'oro. In sei mesi il nostro BUY sull'argento del 24 e 31 agosto ha raggiunto il 50% di guadagno.

Ci aspettiamo ora che la corsa prosegua con maggiore volatilità infrasettimanale e porti il metallo bianco intorno ai 24 $/oz, target iniziale di tutta l'operazione, nei prossimi 3 mesi.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense per chi volesse misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.









Il petrolio chiude la settimana di nuovo in prossimità dei 100 dollari al barile: è la quarta volta dallo scorso novembre.
Ben lungi dall'idea di shortare un settore così promettente, abbiamo colto l'occasione in settimana per alleggerire ulteriormente il portafoglio idrocarburi costruito e sponsorizzato nei nostri aggiornamenti fra fine 2006 ed i primi dle 2007, portando a casa qualche profitto dalle aziende del settore sulla forza dell'oro nero.

A nostro avviso il 2008 non sarà l'anno del petrolio e, benché di certo il trend di lungo periodo sia ben solido e destinato a continuare, a medio ed ancor più a breve, altri settori possono essere più remunerativi.

Rimanendo fra gli idrocarburi, il gas naturale ha compiuto in settimana un passo storico: da due anni non chiudeva sopra i 9 dollari... se confermato nelle prossime settimane, questo potrebbe essere il tanto atteso "primo passo" di una di quelle formidabili corse tipiche del gas naturale.









Lo S&P500, ancora sotto shock per i recenti movimenti, chiude la settimana quasi invariato, con i volumi più bassi da un mese e mezzo a questa parte. Rispetto a quanto avvenuto in quasi tutti gli altri settori, il +0.23% di guadagno dell'azionario generico statunitense è non solo mediocre ma davvero preoccupante.





Ci spiegano (a dire il vero in modo non molto convincente) che la nostra spesa è sempre più cara perché il potere d'acquisto del nostro denaro è sempre più basso ma sulle cause di tutto questo si mantengono il riserbo e la confusione più assoluti. Eppure la sensazione del cittadino è chiara: i vari panieri statistici utilizzati per misurare "l'inflazione" dipingono una realtà ben più rosea di quella che si avverte sulla pelle.

Guardate qui sotto.









Per quanto riguarda l'acciaio, giunto ai livelli cruciali intorno ai massimi del 2007, apriamo una piccola parentesi.
Questo mercato sta per essere rivoluzionato da un'innovazione epocale: dal 28 aprile sarà negoziabile al London Metal Exchange (LME) il future "forward" sull'acciao, facilitando enormemente gli scambi di un prodotto standardizzato (ne esistono moltissimi tipi) ad un prezzo trasparente, su una piazza importante come quella londinese.

Proprio in vista di questo evento e delle pressioni enormi - anche speculative - che si riverseranno su un settore così strategico, gli amici di GM Consulenza hanno lavorato a lungo ad un "Report Acciaio" redatto con i soliti crismi della giovane società di analisi lombarda. Quindi, concetti chiari, obiettivi precisi, strategie e indicazioni operative supportate da ricerca, dati fondamentali e molto, molto studio del mercato.









Fra tutti quelli esposti, solo il settore bancario e quello degli Homebuilders hanno subito gravi perdite nel 2007 e si trovano oggi ben più in basso di dove hanno iniziato l'anno. Persino l'asfittico S&P500 è poco distante dai 1415 di gennaio 2007.

L'inflazione della massa monetaria, sia essa rappresentata da dollari o da euro, da sterline o yen, spinge in alto i prezzi di tutti i beni tangibili e reali, siano essi pomodori, acciaio, oro o argento. Non tutti i prezzi di tutti gli assets crescono alla stessa maniera e contemporaneamente ma è ovvio che se aumenta il denaro circolante nel sistema agli attuali, vertiginosi, ritmi, quello già presente si svaluta ed i prezzi, di conseguenza, sono forzati a salire.

Ciò che non sale in un contesto simile, sta in realtà crollando anche se rimane fermo; ad esempio, il 99% delle buste paga.









A proposito di costanti perdite di valore... il dollaro avrà smesso di scendere almeno contro le valutine cartacee sfidanti, almeno per qualte tempo ?!







ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006