Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



23 novembre 2008, ore 21.59

L'oro chiude la settimana con un guadagno di circa il 6.5%, sia contro il dollaro, sia contro l'euro, sul mercato dei futures. Di fronte all'ulteriore discesa delle borse (e al drammatico crollo del settore bancario a stelle e strisce che perde in una settimana il 23.74%), il segnale inviato a chi ha buone orecchie per sentire è davvero significativo: i grafici delle performances d'altro canto parlano chiaro. Chi ha cambiato dollari contro oro tre anni fa è ancora seduto oggi su un guadagno che sfiora il 60%, chi l'ha fatto con gli euro è in attivo del 48.53%: quanti asset hanno conservato il proprio valore in questo modo negli ultimi tre anni?

Uno dei grafici più significativi per gli investitori italiani è il settimo: il confronto fra l'andamento del mibtel, dei bond e dell'oro negli ultimi 12 mesi. Durante l'armageddon finanziario che ha sconvolto i mercati in questi mesi, la quotazione del metallo giallo si è mantenuta in una stretta fascia di tolleranza compresa fra un rendimento minimo del -2.5% ed uno massimo 18%, toccato proprio sul massimo storico assoluto di ottobre, all'apice del disastro finanziario. Davvero niente male, soprattutto considerando che con il balzo dell'ultima settimana il metallo giallo si è riportato a ridosso dei 640 €/oz e non sembra per nulla intenzionato a fermarsi lì. La borsa di Milano, nel frattempo, ha fatto registrare un nuovo minimo portando il risultato degli ultimi 12 mesi a un bel -50%, quasi tondo.

Da notare la chiusura del petrolio - sotto i 50 dollari al barile, a livelli non visti dai primi del 2005 - parzialmente smentita dalla forte accelerazione delle aziende del settore. Lo XOI ha chiuso la settimana con una perdita pesante ma ha limitato notevolmente i danni sul finire della seduta e, come in altri casi negli anni passati, la divergenza fra le aziende petrolifere e il loro driver principale potrebbe essere un segnale importante per indicare la fine del trend.

Da questi livelli di ipervenduto un rimbalzo è sempre più probabile: l'oro nero ha perso quasi due terzi del proprio valore da quest'estate e le aspettative di recessione mondiale devono essere viste anche alla luce dell'incessante produzione di moneta da parte delle banche centrali e della indispensabilità del petrolio nell'economia mondiale. Se è vero che Europa e Stati Uniti avranno una crescita negativa nei prossimi mesi, i giganti asiatici, con i loro miliardi di consumatori affamati, scenderanno da tassi di crescita a due cifre a dinamiche di sviluppo più contenute ma comunque esorbitanti. Per alimentare le quali il petrolio sarà essenziale.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.



















































































































EURUSD Weekly




USDJPY Weekly




EURJPY Weekly


AUDJPY Weekly


AUDUSD Weekly




ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

17 NOVEMBRE 2008
10 NOVEMBRE 2008
26 OTTOBRE 2008
19 OTTOBRE 2008
14 OTTOBRE 2008
13 OTTOBRE 2008
07 OTTOBRE 2008
04 OTTOBRE 2008
30 SETTEMBRE 2008
28 SETTEMBRE 2008
20 SETTEMBRE 2008
13 SETTEMBRE 2008
31 AGOSTO 2008
24 AGOSTO 2008
26 LUGLIO 2008
12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006