Home
Perché
Monitor
Analisi
Links
News
Comprare oro
Vecchio sito
Contatti


Questa pagina raccoglie l'Analisi Tecnica di diversi mercati fra cui, in particolare, Oro, Argento ed i cross Forex fra dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle principali monetine fiduciarie di oggi.

Gli aggiornamenti verranno pubblicati senza scadenze fisse, in funzione di particolari condizioni di mercato.

Charts courtesy of StockCharts, ProRealTime and NetDania.



26 luglio 2008, ore 17.04

Dopo la rottura al rialzo di due settimane fa, oro e argento hanno speso le ultime sessioni per tornare a testare, da sopra, le vecchie resistenze. Benché il metallo bianco sia andato oltre, toccando addirittura quota 17 $/oz, l'oro ha tenuto perfettamente i livelli critici sotto i quali è rimasto intrappolato per i tre mesi del consolidamento: nulla di grave quindi nell'azione delle ultime due settimane, anzi. Questa potrebbe essere l'ultima chiamata per i ritardatari prima di proseguire verso i nuovi massimi.

I grafici daily - che aggiungeremo alla consueta analisi in questo momento cruciale - illustrano questo classico test della ex-resistenza con maggiore dettaglio: dopo lo stretto trading range compreso fra aprile e giugno, le quotazioni hanno approfittato del supporto della SMA a 180 giorni per forzare la zona di congestione e raggiungere nuovi massimi.

La correzione pur violenta degli ultimi giorni è del tutto fisiologica e, a nostro avviso, non ha altro valore al di fuori del normale avanzare e ritirarsi delle quotazioni intorno al loro trend principale. Anche confrontando sul grafico daily le ultime due settimane con le dinamiche dei mesi precedenti, è possibile verificare come nemmeno per l'argento il "crollo" sia stato poi così duro.

La previsione rimane quindi invariata: ci aspettiamo che la corsa continui sull'impulso positivo innescato dalle nuove quotazioni e prosegua per l'oro almeno fino a 1.200 $/oz ( 24/25 per l'argento) nell'arco di un paio di mesi, al massimo tre, prima della violenta correzione di medio periodo necessaria a ridurre l'entusiasmo a livelli fisiologici ed allontanare dal mercato gli ultimi arrivati, quelli che, in questa ipotesi, avessero comprato sui nuovi massimi.

Aggiungiamo inoltre i grafici degli ETF sui metalli preziosi - streetTRACKS Gold Trust Shares per l'oro e iShares Silver Trust per l'argento - indispensabili per monitorare l'andamento dei volumi su questi mercati: benché strumenti cartacei non adatti agli "amatori" più intransigenti, GLD e SLV riescono a dare importanti informazioni di breve periodo altrimenti difficili da ottenere.

E' agevole constatare guardando i recenti picchi dei volumi come l'interesse per il mercato dei metalli preziosi sia ai massimi, dopo essere costantemente salito per quasi un anno.

Chi ha acquistato ETF o altri surrogati di varia natura in corrispondenza del BUY sul settore del 24 e del 31 agosto intorno ai 650 $/oz, può cercare di approfittare di eventuali nuovi massimi per chiudere le proprie posizioni, senza troppa avidità ma nemmeno con ansia eccessiva, dai 1.200 $/oz in avanti.

Come ormai d'abitudine, ecco il calcolatore dell'"inflazione" proposto dal Bureau of Labor Statistics statunitense utile per misurare l'entità ufficiale della svalutazione del dollaro dalla nascita della Federal Reserve nel 1913 ad oggi.

































Il petrolio ha spazio per scendere senza incontrare ostacoli di una qualche rilevanza fino a circa 110 dollari al barile, dove l'incontro del supporto dinamico e di quello statico dovrebbe garantire una certa tenuta.

Come anticipato in altri aggiornamenti, la nostra posizione su questo settore non può essere ribassista per motivi di carattere fondamentale: di fronte a livelli estremi come quelli appena raggiunti, non possiamo far altro che aspettare con pazienza che l'ipercomprato si sgonfi sino al punto di rendere nuovamente attraente l'apertura di posizioni al rialzo.

Dopo la corsa impressionante degli ultimi 18 mesi, è verosimile che le condizioni tecniche per ripensare in modo ragionevole al lato lungo del mercato, si facciano attendere parecchio (almeno 6 mesi, ma anche 12 o 18). Per ora quindi ci limitiamo ad assistere alla tanto agognata correzione. I mercati azionari e persino quelli di altre materie prime hanno atteso questo momento con nervosismo sempre maggiore: il petrolio è essenziale per qualunque attività, dall'agricoltura, all'estrazione dei minerali, ai trasporti. Praticamente tutti i settori hanno sofferto la continua salita del greggio e la recente discesa potrebbe innescare ed alimentare il rialzo azionario tanto utile in questo momento.

Anche l'oro giallo potrebbe approfittare dell'improvvisa debolezza di quello nero: la ratio wtic/gold ha ceduto proprio intorno ai vecchi massimi, senza riuscire a superarli... ora è verosimile che prosegua nella stessa direzione.

Cosi come abbiamo fatto per gli ETF di oro e argento, seguiamo da oggi le quotazioni del "United States Oil Fund" (USO) in modo da mettere in evidenza le importanti dinamiche sui volumi, altrimenti non disponibili nel grafico del West Texas Intermediate Crude.

Notevole, per rimanere al settore idrocarburi, il vero e proprio crack del gas naturale che ha perso più del 33% in tre sole settimane, annullando d'un colpo tutta la strada messa a segno da febbraio a questa parte.

Visto questo crollo micidiale (quanti long saranno sopravvissuti?), la granitica zona di supporto e il bias negativo sull'intero settore in caso continuasse la discesa del petrolio, riteniamo che le quotazioni attuali siano un'occasione insperata per aprire posizioni al rialzo sul gas naturale.















Ecco la capitolazione della ratio wtic/gold al test del supporto statico.





Niente di notevole per i metalli di base.













I prodotti agricoli sono nuovamente intorno a 400, la parte bassa della zona di consolidamento in cui le quotazioni attendono che il forte ipercomprato di aprile lasci spazio a livelli più sostenibili. Anche in questo settore la resa del petrolio potrà portare un po' di sollievo, stemperando almeno per qualche tempo le tensioni più aspre e scoraggiando, se non altro, la componente speculativa dall'intraprendere troppo facilmente la via rialzista.





Il limite di 1250 s'è dimostrato duro come previsto e per ora possiamo contare una sola chiusura settimanale sotto tale livello, non abbastanza per confutare la tesi esposta nelle scorse settimane. Anzi, da questi livelli, con questi volumi, con il petrolio che sembra finalmente deciso almeno a rallentare, con una bullish% sotto il 40% e una divergenza positiva con la ratio spx/gold, le possibilità che quello appena tracciato sia un minimo destinato a durare aumentano notevolmente.

Durante i mesi estivi i mercati sono sempre molto sottili e questo può causare movimenti estremi, come il crollo dei cross yen il 15 agosto 2007. Vedremo se qualcuno sta preparando una sorpresa per questo agosto 2008, magari di segno opposto rispetto a quella dell'estate precedente.









Reazioni di una violenza inaudita sul settore bancario americano: le quotazioni sono passate da meno di 48 a più di 70 in 7 giorni borsa, un aumento di più del 45% che ha sicuramente spazzato via dal mercato tutti gli short entrati a seguito delle notizie allarmanti su Fannie Mae e Freddie Mac. Aprire una posizione a seguito di quanto si legge sui giornali è in genere azzardato e controproducente... questa volta per alcuni è stato letale.









Come previsto in queste righe, la perdurante debolezza delle aziende petrolifere era un cattivo auspicio per l'oro nero.

Come a fine 2006 - inizio 2007 la forza delle società petrolifere ci è servita per ridimensionare la debolezza del petrolio, caldeggiando l'acquisto di azioni del settore, così oggi i continui storni valgono come un avviso che qualcosa non torna: o lo XOI reagirà intorno a 1.350 recuperando il terreno perso fino a qui rispetto al petrolio o sarà l'oro nero a correggere con violenza l'immane salita messa a segno da 18 mesi a questa parte.













Lo yen è ad un livello cruciale: le sorti del carry trade e dei molti mercati ad esso legati sono quasi tutte nelle mani della valuta nipponica. Un rimbalzo sul supporto affosserebbe le borse, al contrario, se lo yen continuasse a cedere terreno, gli spazi di manovra sarebbero molto più ampi e le prospettive più rosee per i mercati azionari. E non solo per loro.

Il grafico del DBV mette in evidenza che, pur ben più in basso dei picchi raggiunti l'estate scorsa subito prima del crollo di ferragosto, il carry trade gode di buona salute, avanza piano piano da quattro mesi, gira intorno al valore medio degli ultimi 18 ed è ai massimi da marzo: non proprio un malato terminale come molti hanno prematuramente sostenuto.

Bisogna ricordarsi sempre che le salite dei cross a differenziale positivo dei tassi d'interesse sono stentate, lente, soporifere... sempre sul punto di cedere di schianto. Al contrario le discese sono fulminanti, profonde e violentissime. Questo è dovuto al fatto che una posizione aperta a carry trade positivo matura interessi giorno per giorno ed è quindi sostenuta dal fattore tempo: più si rimane in posizione più si guadagna (a parità di tasso di cambio, ovviamente).

A fronte di un ritorno in interessi certo e proporzionale alla durata dell'operazione, il tasso di cambio rappresenta un rischio, anche notevole se si è entrati a quotazioni non vantaggiose. Periodicamente quindi, dopo queste salite lunghe e stentate, i cross "da carry trade" correggono con violenza, come successo nell'estate 2007. Da allora, la discesa fino a marzo 2008 è stata stranamente lunga e particolarmente severa... carburante per continuare ad arrampicarsi in modo incerto ce n'è ancora parecchio.





Sembra che l'euro stia proprio per cedere il testimone al dollaro, almeno per un recupero di medio periodo. Se si intende rimanere in posizione molto a lungo senza subire costi in interessi troppo elevati, il cross più allettante per puntare al rialzo del biglietto verde contro una delle valute europee è il franco svizzero.























ARCHIVIO AGGIORNAMENTI

12 LUGLIO 2008
28 GIUGNO 2008
14 GIUGNO 2008
02 GIUGNO 2008
25 MAGGIO 2008
11 MAGGIO 2008
27 APRILE 2008
13 APRILE 2008
06 APRILE 2008
22 MARZO 2008
19 MARZO 2008
15 MARZO 2008
12 MARZO 2008
08 MARZO 2008
05 MARZO 2008
23 FEBBRAIO 2008
21 FEBBRAIO 2008
17 FEBBRAIO 2008
09 FEBBRAIO 2008
02 FEBBRAIO 2008
31 GENNAIO 2008
25 GENNAIO 2008
23 GENNAIO 2008
18 GENNAIO 2008
15 GENNAIO 2008
11 GENNAIO 2008
08 GENNAIO 2008
28 DICEMBRE 2007
21 DICEMBRE 2007
12 DICEMBRE 2007
30 NOVEMBRE 2007
23 NOVEMBRE 2007
20 NOVEMBRE 2007
16 NOVEMBRE 2007
09 NOVEMBRE 2007
06 NOVEMBRE 2007
02 NOVEMBRE 2007
29 OTTOBRE 2007
19 OTTOBRE 2007
18 OTTOBRE 2007
15 OTTOBRE 2007
12 OTTOBRE 2007
05 OTTOBRE 2007
04 OTTOBRE 2007
02 OTTOBRE 2007
28 SETTEMBRE 2007
21 SETTEMBRE 2007
18 SETTEMBRE 2007
14 SETTEMBRE 2007
13 SETTEMBRE 2007
07 SETTEMBRE 2007
31 AGOSTO 2007
24 AGOSTO 2007


Mensili (dicembre 2006/giugno 2007)

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006


Settimanali (6 gennaio 2006/16 marzo 2007)

16 MARZO 2007
09 MARZO 2007
02 MARZO 2007
23 FEBBRAIO 2007
16 FEBBRAIO 2007
09 FEBBRAIO 2007
02 FEBBRAIO 2007
26 GENNAIO 2007
19 GENNAIO 2007
12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006