In questa pagina vengono aggiornati ogni fine settimana i grafici degli ultimi 36 mesi di oro, argento, dollaro, euro e yen per confrontare l'andamento delle due materie prime selezionate dall'uomo, nei secoli, come moneta per eccellenza, rispetto alle più importanti monetine fiduciarie di oggi. L'ultimo grafico invece è dedicato ogni settimana ad un mercato diverso, ritenuto particolarmente interessante o significativo.

19 gennaio 2007

Mercati quasi immobili in corrispondenza di livelli cruciali. L'oro continua la reazione alla brutta apertura dell'anno, recuperando quasi totalmente le perdite della prima settimana senza intaccare però in modo consistente l'ambiguità del momento.

Gli sviluppi continuano ad essere verosimili in entrambe le direzioni e sono strettamente legati a ciò che accadrà su altri mercati, anch'essi, come il FOREX, a livelli delicatissimi.

A breve quindi rimaniamo ancora in attesa, preferendo non aprire nuove posizioni di breve periodo. Per il lungo periodo invece anche i prezzi attuali possono rappresentare un buon affare, a patto di saper sopportare la volatilità e le eventuali perdite delle prossime settimane.

Questo mercato rimane ancora del tutto elitario ed esclusivo, non c'è traccia di quella mania popolare che è l'ingrediente necessario e finale - se la storia insegna - per concludere al meglio la ricetta e permettere ai pochi di scaricare sui molti un bene ormai selvaggiamente sopravvalutato. D'altro canto, nonostante l'enfasi posta dai mass media nel parlare di oro ai massimi da 25 anni, siamo ben lontani da fine corsa. I 730 $ del 1980 (il "record" tanto celebrato dai media) equivalgono oggi, secondo stime MOLTO prudenziali, a più di 1.700: rispetto a 25 anni fa, l'oro oggi non vale nemmeno la metà.



Nessun movimento importante anche per l'argento, a meno di non voler attribuire un certo valore a questa esitazione. Per un corridore instancabile come il metallo bianco, una pausa di riflessione rappresenta il più delle volte l'eccezione che conferma la regola di una notevole volatilità.

Gli sviluppi a brevissimo termine possono causare, a maggior ragione su un mercato sottile come quello dell'argento, movimenti molto violenti e la situazione è così ambivalente da lasciar spazio a due ipotesi opposte. E' necessaria la massima cautela.

Nessuna operazione a breve e la solita raccomandazione di tener buone quelle di lungo periodo per gli anni a venire.



Situazione di stallo per il dollaro, ancora al test cruciale del ex supporto che l'ha sostenuto per più di sei mesi. Il quadro tecnico è immutato rispetto alla scorsa settimana e l'ultima seduta non aggiunge, né toglie, nulla all'indecisione del momento. Pesci piccoli e grandi si stanno posizionando, chi in una direzione chi in quella opposta: sul FOREX potrebbe essere una buona tattica scegliere due cross complementari come usdchf ed eurusd per esporsi verso entrambi gli scenari senza dover per forza aspettare sviluppi capaci di sfibrare il più paziente dei trader.

A nostro avviso però, chi è in grado di aspettare senza esserne frustrato, farebbe meglio a pazientare prima di buttarsi nella mischia: è verosimile che, in una direzione o nell'altra, le prossime settimane portino movimenti molto violenti.

Yen index ad un supporto di pastafrolla...






IL GRAFICO DELLA SETTIMANA

Questa settimana il grafico è dedicato al "Bullish percent Index" della NYSE. Dopo aver violato la resistenza dinamica principale con il consueto rally di fine anno, pare che gli umori della borsa americana si siano leggermente raffreddati. L'euforia rimane a livelli così alti da lasciar intravedere pesanti correzioni ma è pericoloso ignorare l'esistenza di strutture create con lo scopo preciso di sostenere i mercati nei momenti più critici, data l'enorme dote di fiducia - indispensabile - che questi riescono a veicolare.

Fin quando il sistema reggerà, non ci saranno salite troppo prolungate per poter continuare o discese tanto ripide da non poter essere interrotte. Un giorno, la soluzione di continuità sarà così violenta da spazzar via certezze consolidate in pochi istanti, ma fino ad allora shortare l'oceano di liquidità che ha invaso i mercati negli ultimi anni è una scommessa frustrante e perdente: meglio cercare altri modi per far rendere il proprio denaro.



12 GENNAIO 2007
05 GENNAIO 2007
29 DICEMBRE 2006
22 DICEMBRE 2006
15 DICEMBRE 2006
08 DICEMBRE 2006
01 DICEMBRE 2006
24 NOVEMBRE 2006
17 NOVEMBRE 2006
10 NOVEMBRE 2006
03 NOVEMBRE 2006
27 OTTOBRE 2006
20 OTTOBRE 2006
13 OTTOBRE 2006
06 OTTOBRE 2006
29 SETTEMBRE 2006
22 SETTEMBRE 2006
15 SETTEMBRE 2006
08 SETTEMBRE 2006
01 SETTEMBRE 2006
25 AGOSTO 2006
18 AGOSTO 2006
11 AGOSTO 2006
04 AGOSTO 2006
28 LUGLIO 2006
21 LUGLIO 2006
14 LUGLIO 2006
07 LUGLIO 2006
30 GIUGNO 2006
23 GIUGNO 2006
16 GIUGNO 2006
09 GIUGNO 2006
02 GIUGNO 2006
26 MAGGIO 2006
12 e 19 MAGGIO 2006
05 MAGGIO 2006
28 APRILE 2006
21 APRILE 2006
14 APRILE 2006
07 APRILE 2006
31 MARZO 2006
24 MARZO 2006
17 MARZO 2006
10 MARZO 2006
03 MARZO 2006
24 FEBBRAIO 2006
17 FEBBRAIO 2006
10 FEBBRAIO 2006
03 FEBBRAIO 2006
27 GENNAIO 2006
20 GENNAIO 2006
13 GENNAIO 2006
06 GENNAIO 2006

















































































Disclaimer
Il servizio fornito da ITGOLD.it ha carattere esclusivamente informativo. Non deve in alcun modo essere inteso come un invito ad acquistare o a vendere titoli mobiliari o beni di altra natura. Non è rivolto in alcun modo alla sollecitazione del pubblico risparmio. Qualunque decisione di investimento basata sui contenuti forniti deve considerarsi pertanto di esclusiva responsabilità degli utenti. I dati testuali e grafici allegati o qualsiasi altra informazione sono esposti, ed ogni servizio è fornito, a scopo informativo e mai come invito ad effettuare operazioni sui mercati finanziari o a farne qualsiasi altro utilizzo: l'utente pertanto si assume piena ed assoluta responsabilità per l'utilizzo del materiale di cui avrà conoscenza. Benché venga profuso il massimo sforzo per verificare ed immettere dati corretti e precisi, nessuna responsabilità può essere imputata a ITGOLD.IT, da alcun utente per omissioni, imprecisioni, errori eventualmente riscontrabili nel materiale fornito o ritardi o inesattezze nei servizi resi. Nessuna responsabilità può essere imputata a ITGOLD.IT per l'utilizzo del materiale informativo e dei links da esso segnalati, per operazioni effettuate dall'utente sul mercato finanziario o su qualsiasi altro mercato. L'utente che, accedendo ai servizi di ITGOLD.IT, intenda usufruirne, dichiara di comprendere ed accettare le condizioni generali di accesso sovra esposte.